Crea sito

CHI È MAHMOOD, il volto di Sanremo 2019

Alessandro Mahmoud, in arte Mahmood (da un gioco di parole proveniente dal suo cognome e dall’inglese my mood, “il mio stato d’animo”), ha origini per metà sarde (madre) e per metà egiziane (padre, con il quale perde i rapporti fin dall’infanzia).

Inizia a farsi conoscere nell’ambiente musicale nel 2012, quando partecipa alla sesta edizione del talent show X Factor nella categoria Under Uomini guidata da Simona Ventura, venendo però eliminato nel corso della terza puntata; una volta uscito dal loft del talent Alessandro inizia a collaborare con il produttore Pier Paolo Peroni, che produce il suo primo singolo.

Le loro strade, tuttavia, si separano ben presto e Alessandro, complice la collaborazione con i produttori Francesco Fugazza e Marcello Grilli, inizia ad incidere canzoni di musica elettronica, con un tocco di r&b e soul: tra queste anche “Dimentica”, con la quale – selezionato tra i finalisti di Area Sanremo – partecipa tra le “Nuove Proposte” al Festival di Sanremo 2016, dove termina al quarto posto.

Nel 2018 è stato tra gli autori di “Nero Balì”, portata al successo da Elodie, Michele Bravi e Gué Pequeno e a settembre ha pubblicato per Universal il suo primo Ep, “Gioventù bruciata”, contenente anche un pezzo insieme a Fabri Fibra, “Anni ’90” (ma i due avevano collaborato già l’anno precedente, per “Luna”).

“Gioventù bruciata” è anche il titolo della canzone che presenta in gara a Sanremo Giovani nel 2018: è il vincitore della seconda serata, e viene quindi ammesso alla competizione regolare del Festival di Sanremo, edizione 2019, dove risulta vincitore.

Nonostante la sua canzone entri nella top 50 dei singoli più  ascoltati al mondo su Spotify (48° posto, primo italiano ad entrare in classifica), non mancano le polemiche riguardo la sua vittoria: per alcuni, infatti, la sua canzone non è “italiana”, mentre altri gridano al politically correct, denunciando come Mahmood abbia preso il 14,1% dei voti del televoto, classificandosi così terzo dietro a Il Volo(39,4%) e ad un più quotato Ultimo (46,5%).

Tralasciando le polemiche che hanno caratterizzato l’intero festival (il cui pubblico, forse, non è ancora pronto per un ricambio generazionale e stilistico), Mahmood ha recentemente annunciato di aver accettato di rappresentare l’Italia in occasione dell’’Eurovision, che si svolgerà a Tel Aviv tra il 14 e il 18 maggio.

Giovanni Longoni